Progetto

Le tecnologie oggetto della ricerca possono essere messe in opera per fasi successive e senza una significativa interruzione d’uso della costruzione dell’edificio.
A comune denominatore, il basso impatto degli interventi (in termini di tempo ridotto per la messa in opera) e la customizzazione per potersi adattare a vari contesti edilizi.
Le tecnologie sviluppate sono efficaci sia per edifici residenziali che pubblici, quando è necessario limitare allo stretto necessario i tempi di intervento sulla costruzione.

Il focus della ricerca è rappresentato in particolare dalle seguenti tecnologie,  combinabili ed integrabili in modo opportuno per raggiungere il prefissato livello di sicurezza sismica, sono:

  • Sistema innovativo di rinforzo esterno dei fabbricati, basato sull’utilizzo di casseforme coibentanti in polistirene,  con armature metalliche integrate e getti di calcestruzzo/malte fibrorinforzate, e con relativo sistema di collegamento alle strutture portanti;
  • Sistemi di rinforzo interno dei fabbricati con pannelli di legno ingegnerizzati, a ridotto peso, e quindi di facile installazione e traporto ed installazione: pareti in XLam, per il controventamento dell’edificio; pannelli in XLam, per l’irrigidimento di impalcati e coperture, anche rinforzati con materiali compositi; pareti dissipative, per il miglioramento delle capacità di smorzamento.

È previsto inoltre l’uso di tecnologie integrative all’intervento strutturale, per il miglioramento delle caratteristiche energetiche ed impiantistiche del fabbricato:

  • Integrazione nei pannelli esterni di Sistemi impiantistici leggeri e dispositivi per il monitoraggio strutturale ed ambientale, integrati nei pannelli esterni;
  • Rivestimenti in ceramica a basso spessore e membrana disaccoppianti.

Nel Progetto sono inoltre sviluppati strumenti operativi per il calcolo strutturale, da impiegare sia nella fase di progettazione degli interventi che per la validazione degli stessi.


Timesafe


Il Progetto è co-finanziato nell’ambito del POR-FESR 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna e particolarmente del Bando per progetti di ricerca industriale strategica rivolti agli ambiti prioritari della Strategia di Specializzazione Intelligente (DGR n. 968/2018).